edouard nasa, photos, spazio, scienza altamira, grotte, spagna, preistoria granchio, coco, birgus latro etna, sicilia, vulcani, italia titicaca, lago, bolivia, perù iguazù, cascate, argentina, brasile, unesco Nilo, fiumi, africa Cina, muraglia, fortezze
Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Follow in Google+ Sottoscrivi il feed Seguimi  in StumbleUpon

Il meglio di Immagini del Mondo nel mese di Luglio 2013: ecco i 10 articoli più cliccati.

1.- L'illusione della Food Art, espressione artistica attraverso il cibo.

food-art-01Se continuerete nella lettura del post troverete molte altre divertenti immagini di quello che non saprei se definire un vero artista o un grandissimo amante del cibo.
Intuitivamente penseresti che “Food Art” voglia dire arte del cibo, e in effetti siamo lì attorno: si tratta appunto di sfumature. Ti potresti chiedere allora cosa sta a significare “Art of Food”, che qualche differenza ci deve essere.  Ebbene, fonti accreditate dicono che la “Food Art” è l’espressione artistica attraverso alimenti e commestibili, ma nella quale il cibo è solo strumentale all’arte stessa.
Per esempio, se per la sua opera uno scultore invece del marmo usasse – che so – il pane senza che nessuno se ne volesse poi cibare, ecco, farebbe della Food Art. Arte con il cibo. Se invece un panettiere producesse meravigliose pagnotte realizzate con perizia e perfezione e pure in fogge artistiche, ma fosse “semplice” seppur geniale pane da mangiare, avremmo più una forma di Art of Food, arte del cibo.

2.- Il respiro di un' intelligenza spirituale nelle foto di Raghu Rai.
Raghu-Rai-poses-next-to-h-001Raghu Rai è uno dei più grandi  fotografi indiani ed è membro dell'agenzia Magnum. Le sue immagini più note dell'India sono in genere ottimistiche e descrivono la vita spirituale del sub-continente. Raghu Rai è conosciuto per le numerose e ricche immagini di Kumbh Melas, Madre Teresa e della città sacra di Varanasi, con le quali ha colto gli aspetti più intimi della religione e della società indiana.
Quando Raghu Rai arriva a Bhopal da Delhi, la mattina dopo l'incidente della Union Carbide, con lo scopo di preparare un reportage sul più grande disastro industriale della storia, vede un'India molto diversa, scopre un paese distrutto, i cui abitanti vivono nel panico e nella disperazione.

3.- L'orologio di Linneo, un orologio floreale che scandisce il tempo grazie a fiori che sbocciano durante le 24 ore.
orologio_linneoNel lontano 1751, il naturalista svedese Carolus Linneo aveva studiato in ogni dettaglio un orologio floreale che riuscisse a scandire il tempo grazie a dei fiori che sbocciano nell'arco delle 24 ore.  Nel 2003 è stato costruito in Italia un orologio capace di questo. L'orologio floreale si trova nel quartiere napoletano di Bacoli, è possibile ammirarlo gratuitamente nell'azienda agricola "Il ramo d'oro".
L'orologio si trova in una ex cava di tufo che durante la Seconda guerra mondiale era un ricovero per sfuggire ai bombardamenti.  I fiori infatti non si aprono tutti in uno stesso momento della giornata, bensì in orari diversi: onore al merito per Carlo Linneo, il grande naturalista svedese del XVIII secolo che, durante i suoi lunghi e approfonditi studi di botanica, fece questa scoperta.

4.- I giganti dei fiumi e laghi: dall'India al Congo.
Pesci tigre, squali di acqua dolce e altre creature gigantesche (e pericolose) che vivono in fiumi e laghi.
Pesci texani col muso da coccodrillo, squali che amano risalire i fiumi, pastinache da 550 kg dotate di una sorta di baionetta velenosa lunga 20 cm.
Pesci elusivi, minacciosi, ammantati di leggenda che popolano i fiumi quanto i racconti del terrore che i pescatori si tramandano. Il pesce tigre è il più temuto di tutti: ha denti che si incastrano a tagliola come quelli del piranha ed è cosi aggressivo di attaccare anche i coccodrilli. Cacciati, studiati e poi liberati in acqua dai biologi come Jeremy Wade (foto).
Atractosteus spatula è uno dei tipici pesci d'acqua dolce americani di grandi dimensioni: ne è stato infatti catturato in Louisiana un esemplare che pesava più di 135 kg ed era lungo circa 3 metri.

5.- Audrey Kawasaki artista di notevole talento immaginativo e tecnico.
audrey kawasaki ak1-645x818Pittrice ventiseienne di notevole talento immaginativo e tecnico, Audrey Kawasaki  e’ senza dubbio la piu’ importante artista emergente della scena pop-surrealista californiana. Il suo esordio, malgrado la giovane età, risale al 2003, quando espone per la prima volta a Los Angeles, dove e’ nata da genitori giapponesi. Da allora hanno fatto seguito numerose esposizioni personali e collettive in California e in Canada, mentre l’anno prossimo esporrà anche in Giappone e a New York. La giovane artista, che disegna da quando e’ bambina, ha completato il suo percorso studiando alcuni anni a New York. La sua pittura si compone di sottili e diluitissimi strati di colore che lasciano trasparire la naturale venatura del legno in modo che quest’ultima si integri sinuosamente con l’immagine creata dall’artista. Il risultato che ne deriva e’ magico: la figura sembra affiorare dal legno come se fosse sempre appartenuta alla materia e questo conferisce al quadro una felicissima armonia.

6.- Sally Matthews presenta un’ esposizione dedicata al mondo animale lungo il percorso ArteNatura della Val di Sella.
Sally Matthews - Animal sculptureMostra di disegni e sculture sul mondo animale; incontro con l’artista Sally Matthews. Un’ esposizione dedicata al mondo animale, in dialogo con le opere che l’artista inglese realizzerà lungo il percorso ArteNatura. A dieci anni dal suo ultimo lavoro in Val di Sella ritorna Sally Matthews, artista inglese la cui sensibilità unica nei confronti del mondo animale e la raffinata capacità di lavorazione dei materiali natural, da sempre affascinano i visitatori di Arte Sella. Nel corso del 2013 l’artista lavorerà a due progetti in apparenza differenti, ma il cui legame tematico raccorderà Borgo Valsugana alla Val di Sella: negli Spazi Livio Rossi di Borgo Valsugana troverà spazio un’esposizione temporanea di disegni e sculture.

7.- HP Lovecraft, mitologia dei Grandi Antichi, Cthulhu e il Necronomicon (2a parte).
La Stirpe del Graal e la 'linea di sangue' dei Grandi Antichi sono la stessa cosa. Sono stati rappresentati come archetipici mostri marini quali il Leviatano e Dagon, Signore del Profondo, e incarnati dalle divinità del mondo sotterraneo - o 'Abisso' - che popolarono l'immaginario di molte antiche culture. Basta un esame superficiale della opera più significativa di Lovecraft - Il Richiamo di Cthulhu - per constatare come il suo intero impianto mitologico si basi sul Libro di Enoch (v. post correlati) il mito dei Nephilim narrato nella Genesi biblica, ed il mito universale della caduta di Atlantide.
Il personaggio principale del Richiamo di Cthulhu rinviene tra le proprietà di un defunto prozio uno strano idolo di pietra raffigurante un ibrido tra "un polpo, un drago dotato di piccole ali e la caricatura di un essere umano."
8.- HP Lovecraft, mitologia dei Grandi Antichi, Cthulhu e il Necronomicon (1a parte).

La Dottrina Segreta che gli Anunnaki (antichi dei di Atlantide e della Sumeria) avrebbero conferito ad alcune caste occulte umane, fu tramandata nei secoli non solo attraverso i Massoni, i Rosacroce, i Templari e altri ordini occultistici, ma anche tramite elementi appartenenti alla cultura pop.
L'immaginario lovecraftiano (v. post correlati) ha dato vita ad una cornucopia di giochi di ruolo e per pc nella stesso modo in cui i Monty Python e la Society for Creative Anachronism hanno discretamente contribuito a mantenere vivo il mito del Graal nelle generazioni moderne. Il fatto che la SCA organizzi giochi di ruolo basati sulle storie di Lovecraft non è un caso, dato che i demoni raffigurati nei cosiddetti: Miti di Cthulhu, sono identici alle antiche divinità sumere ed ai biblici angeli caduti che generarono la Stirpe del Graal.

9.- Utile infografica che spiega la psicologia del colore.
Interessante Infografica sulla psicologia del colore. Molto utile, da tenere vicino quando si crea un sito web o qualsiasi altro progetto.
Lo studio del colore è forse uno dei fattori più importanti in un design grafico.
Vi siete mai accorti di come i colori influenzino la nostra vita? Basta semplicemente darsi un’occhiata in giro:
  • i colori caldi predominanti nei fast food
  • colori tenui e rilassanti negli ospedali
  • colori accesi e vivaci nei parco giochi
Eppure solitamente non ce ne accorgiamo, proprio perché siamo sempre stati abituati ad associare una sensazione/impulso ad un colore piuttosto che ad un altro.

10.- Daikichi Amano, tra i più originali e innovativi nel panorama artistico giapponese.
Daikichi Amano opera-di-daikichiamanoNato a Tokyo nel 1973, Amano studia arte in America, a San Diego, e quindi torna in patria per avviare una personalissima ricerca che progressivamente lo conduce dal linguaggio cinematografico a quello fotografico.
Esordisce come artista nel 2007 a Tokyo.
Le sue incredibili fotografie svelano fantasie che scaturiscono da una visione animistica e atavica, ancorata a desideri e paure che, pur affondando le loro radici nella tradizione mitologica e iconografica nipponica, sono segnate anche dall'esplosiva creatività dell'artista.
Al centro del suo mondo visionario, senza dubbio tra i più originali e innovativi nel panorama artistico giapponese contemporaneo, il corpo si mescola fino a fondersi con gli elementi della natura in una lotta titanica che richiede un dispiegamento di forze psicofisiche estreme da parte dell'essere umano, che infine si fa materia e vibra di vita propria.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
Share on Google Plus

A proposito di Luca Soraci

Il mondo può essere considerato come un museo, un immenso museo che la natura el'uomo, rivali nella genialità hanno popolato di "meraviglie".
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento