edouard nasa, photos, spazio, scienza altamira, grotte, spagna, preistoria granchio, coco, birgus latro etna, sicilia, vulcani, italia titicaca, lago, bolivia, perù iguazù, cascate, argentina, brasile, unesco Nilo, fiumi, africa Cina, muraglia, fortezze
Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Follow in Google+ Sottoscrivi il feed Seguimi  in StumbleUpon

«È quasi alba in Libia» quando le fotografie aiutano la riconciliazione, l’ambiziosa scommessa di Eric Bouvet.

Eric Bouvet (nato nel 1961) ha iniziato la sua carriera fotografica nel 1981, dopo aver studiato arte e grafica a Parigi.

Il suo interesse per la fotografia è stato scatenato quando, all'età di 8, ha guardato le prime immagini televisive in diretta della missione Apollo 11 sbarco sulla luna.

Fu allora che si rese conto dell'importanza di notizie e di momenti storici.

Bouvet ha lavorato come fotografo per l’agenzia francese Gamma nel corso del 1980, e ha lanciato la sua carriera di freelance nel 1990.

Ha vinto il primo riconoscimento internazionale con le sue 1986 immagini delle operazioni di soccorso a seguito di una eruzione vulcano in Omeyra, Colombia.


Da allora, Bouvet ha coperto i conflitti in Afghanistan, Iraq, Iran, Cecenia, Sudan, Somalia, ex Jugoslavia, Libano, Israele. Irlanda del Nord, Kurdistan, Suriname, il Burundi e la Libia.

Ha ricoperto importanti eventi internazionali, tra cui il funerale di Khomeini in Iran, Piazza Tiananmen in Cina, la caduta del Muro di Berlino, la  Rivoluzione di Praga, l'attacco degli Stati Uniti contro la Libia, la liberazione di Nelson Mandela, i Giochi Olimpici, ecc.

Ha anche lavorato molto sul sociale,  compresa la vita nelle prigioni russe, giovani marinai sulla portaerei, la polizia francese che lavora nella periferia di Parigi, ultimi minatori di carbone della Francia, e la vita in una clinica pediatrica per i bambini malati di cancro. Nel corso dell'anno 2012, ha lavorato su Peace & Love storie con una fotocamera campo 4X5.

Il suo lavoro è stato pubblicato in molte riviste internazionali tra cui Time, Life, Newsweek, Paris-Match, Stern, la rivista New York Times e The Times Magazine Domenica.

Ha anche condotto campagne fotografiche di ONG e associazioni di beneficenza tra cui Medici Senza Frontiere (MSF), Croce Rossa (CICR), Medecins du Monde (MDM) e contro la fame (ACF) delle Nazioni Unite e varie.

Lungo la strada, Bouvet ha ricevuto cinque Premi della stampa mondiale, così come due Visa d'Or, la medaglia d'oro del 15 ° anniversario della fotografia, il Premio Premio Bayeux-Calvados per i corrispondenti di guerra, e il Prix Paris-Match Award.
 




 
Ricerca personalizzata

 
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Share on Google Plus

A proposito di Luca Soraci

Il mondo può essere considerato come un museo, un immenso museo che la natura el'uomo, rivali nella genialità hanno popolato di "meraviglie".
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento