edouard nasa, photos, spazio, scienza altamira, grotte, spagna, preistoria granchio, coco, birgus latro etna, sicilia, vulcani, italia titicaca, lago, bolivia, perù iguazù, cascate, argentina, brasile, unesco Nilo, fiumi, africa Cina, muraglia, fortezze
Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Follow in Google+ Sottoscrivi il feed Seguimi  in StumbleUpon

Raghu Rai, massimo esponente della fotografia indiana.

Come immaginiamo l’India? Quali sono le fantasie che si rincorrono nella nostra mente, quando cerchiamo di immaginare un paese enorme, dove vive più di un miliardo di abitanti, che forse tra vent’anni sarà anche più popolato della Cina, dove si trovano foreste tropicali, mari dalle acque limpidissime e montagne tra le più alte del mondo? Dove quotidianamente spiritualità e riti si intrecciano nel caos e nell’odore della vita?

Dove povertà e ricchezza sono le facce della stessa medaglia?

Il lavoro di Raghu Rai, massimo esponente della fotografia indiana, sembra dare una risposta esaustiva a queste domande. E’ nato nel 1942 a Jhanj, vicino a Lahore, nel Punjab un territorio che, all’epoca, era pakistano. Anche la sua è una famiglia numerosa, composta da quattro fratelli e sei sorelle. Il padre ingegnere, desidera che anche Rai segua la sua professione. E’ invece il fratello maggiore, già fotografo, ad influenzare le sue decisioni: nel 1965 invia alcuni dei suoi scatti al londinese The Times e da allora non ha mai smesso di fotografare per le maggiori testate indiane ed internazionali.

raghu raiLa sua lunga carriera è cadenzata da importanti riconoscimenti: nel 1971 vince il Padma Shiri, premio attribuito direttamente dal governo indiano, nel 1977 diventa membro dell’agenzia Magnum, acquisisce altri importanti premi a livello internazionale, espone nelle maggiori capitali, le sue opere fanno parte della collezione permanente della Biblioteca Nazionale di Parigi.
Ma è la sua filosofia di vita, che sfiora la modestia, a renderlo un vero personaggio. Nega che ci siano stati dei momenti decisivi nella sua vita: “Ogni anno, ogni momento, ha il suo significato”, sostiene. “ Sto ancora imparando, ancora cercando di esplorare la magnifica bellezza dell’India attraverso la mia macchina fotografica”. Alle definizioni che gli attribuiscono il ruolo di fotografo, psicoanalista, viaggiatore, essere solitario nel mondo, risponde sorridendo che ogni uomo possiede quelle qualità, che l’individuo è una combinazione fortunata di molte personalità. Al rientro da un reportage, lavora senza sosta per selezionare, dividere, raggruppare i suoi scatti che diventano il progetto che vuole pubblicare e diffondere.

Questo grazie alla sua profonda ed intensa passione per la fotografia: “Non solo il fotografo deve essere al posto giusto nel momento giusto, ma soprattutto deve saper comunicare il proprio stato d’animo. Dopo tutto, la vita stessa è un momento di verità. Da quando sono diventato professionista, quarant’anni fa, la mia ricerca non è cambiata”. Raghu Rai utilizza la macchina fotografica come uno strumento di apprendimento continuo, un modo per arrivare più vicino alla realtà e alla natura e permettere a chi guarda le sue foto di arricchire la propria visone del mondo: questo è per lui il vero scopo della fotografia.
 
 
Ricerca personalizzata

 
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Share on Google Plus

A proposito di Luca Soraci

Il mondo può essere considerato come un museo, un immenso museo che la natura el'uomo, rivali nella genialità hanno popolato di "meraviglie".
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento