edouard nasa, photos, spazio, scienza altamira, grotte, spagna, preistoria granchio, coco, birgus latro etna, sicilia, vulcani, italia titicaca, lago, bolivia, perù iguazù, cascate, argentina, brasile, unesco Nilo, fiumi, africa Cina, muraglia, fortezze
Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Follow in Google+ Sottoscrivi il feed Seguimi  in StumbleUpon

I giganti dei fiumi e laghi: dall'India al Congo.

Pesci tigre, squali di acqua dolce e altre creature gigantesche (e pericolose) che vivono in fiumi e laghi.

Pesci texani col muso da coccodrillo, squali che amano risalire i fiumi, pastinache da 550 kg dotate di una sorta di baionetta velenosa lunga 20 cm.

Pesci elusivi, minacciosi, ammantati di leggenda che popolano i fiumi quanto i racconti del terrore che i pescatori si tramandano.

Il pesce tigre è il più temuto di tutti: ha denti che si incastrano a tagliola come quelli del piranha ed è cosi aggressivo di attaccare anche i coccodrilli.

Cacciati, studiati e poi liberati in acqua dai biologi come Jeremy Wade (foto).

Atractosteus spatula è uno dei tipici pesci d'acqua dolce americani di grandi dimensioni: ne è stato infatti catturato in Louisiana un esemplare che pesava più di 135 kg ed era lungo circa 3 metri.
Ora è sempre più raro anche nel suo ambiente preferito (un arco di costa dal Golfo di Veracruz fino ai fiumi Ohio e Missouri). Quest'enorme predatore era stato «accusato» di nutrirsi di pesci destinati alla pesca sportiva e di uccelli acquatici.

Attenti studi hanno tuttavia dimostrato che tale accusa era priva di fondamento perché in realtà si nutre essenzialmente di pesci privi di interesse per i pescatori e di granchi.



Lo squalo dello Zambesi (Carcharhinus leucas), conosciuto anche come carcarino o squalo leuca, è una specie di squalo potenzialmente pericoloso per l'uomo, spesso confuso con lo squalo toro (anche a causa del suo nome inglese, Bull shark, spesso maldestramente tradotto alla lettera).
Il carcarino ha la capacità, unica tra gli squali, di poter vivere in acqua sia dolce che salata. La specie è minacciata dalla pesca intensiva.

E' uno squalo principalmente tropicale e subtropicale, che raramente si spinge verso acque temperate. Lo si può incontrare spesso in acque costiere, anche basse. Il suo fisico sopporta elevatissime variazioni del gradiente salino, e per questo si può facilmente trovare in acque dolci, dove può tranquillamente vivere e riprodursi.
-->





Himantura chaophraya caratterizzata dal corpo piatto romboidale, grandi pinne pettorali a forma di ali, coda sottile e lunga, occhi posti sul dorso, bocca ventrale. Si differenziano dalle "cugine" razze della famiglia rajidae per la presenza dell'aculeo velenoso sulla coda, il quale produce l'ittioacantossina e provoca effetti simili alla cancrena e al tetano. Gli esemplari più grandi (appartenenti alla specie Himantura chaophraya) possono raggiungere 4,60 metri di lunghezza e 1,90 metri di larghezza.

Negli esemplari di maggiori dimensioni, l'aculeo può arrivare fino a 35-40 centimetri di lunghezza, ha un profilo dentellato ed è rivestito da una guaina epiteliale. Alla radice dell'aculeo si trovano due ghiandole velenifere che secernono una sostanza composta dagli enzimi 5-nucleotidasi e fosfodiesterasi, che distruggono le cellule, e da serotonina, che provoca contrazioni muscolari.

L'azione di tale cocktail è necrotizzante e a questo si unisce la possibilità di infezioni batteriche anche severe. A seconda della zona colpita dall'aculeo, il decorso può arrivare ad essere mortale (si veda l'esempio del conduttore televisivo Steve Irwin, morto in Australia in seguito a un colpo ricevuto da un trigone il 4 settembre 2006). L'aculeo generalmente si spezza e rimane nella ferita: per l'animale non è un grave danno, poiché ricresce con una velocità di circa 1-1,5 centimetri al mese.

Hydrocynus Goliath o Pesce tigre. Può essere superiore a 1,8 m di lunghezza e può pesare più di 57 kg. Il pesce tigre che si trova nel fiume Congo è il più grande della specie.

Questi pesci africani si trovano in molti fiumi e laghi del continente e sono predatori feroci con segni distintivi di denti sporgenti. Hanno i denti a forma di pugnali che sporgono quando la bocca è chiusa




L'Acipenser transmontanus è una specie endemica delle coste pacifiche del Nord America tra l'Alaska e la Baja California. È stato introdotto in molti altri stati degli USA ed in Europa, Italia compresa, dove però non si sa se si riproduca spontaneamente.


È una specie anadroma che vive in mare e penetra nei fiumi solo per la riproduzione ma si conoscono anche popolazioni che passano tutta la loro vita nei fiumi.

Simile agli altri storioni da cui si può distinguere solo attraverso la conta dei raggi delle pinne e dalle caratteristiche degli scudi ossei cutanei.

Il colore è grigio brunastro con ventre bianco e pinne grigie. Può superare i 6 metri di lunghezza, una taglia di 2 metri è considerata comune.



Il Bagarius yarelli è una delle varietà di pesce gatto più grandi ampiamente diffuso nel sud e sud-est asiatico. Raggiunge i 2 metri di lunghezza e pesa circa 80 kg. Si nutre principalmente di gamberetti , ma può anche mangiare piccoli pesci e insetti acquatici.
Il suo rapporto con l'uomo è alquanto particolare diventando oggetto di attenzione dei media quando sono emersi i rapporti di alcuni di questi che sostenevano che la sua alimentazione base erano i corpi semibruciati delle pire funerari nei fiumi sotto l'Himalaya.

Si ipotizza che alcuni annegamenti sono stati causati da esemplari di grandi dimensioni che hanno attaccato bagnanti nel fiume. Questo è l'oggetto di un documentario televisivo messo in onda come un episodio di Animal Planet serie Monsters Fiume .

 
Ricerca personalizzata

 
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Share on Google Plus

A proposito di Luca Soraci

Il mondo può essere considerato come un museo, un immenso museo che la natura el'uomo, rivali nella genialità hanno popolato di "meraviglie".
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento