edouard nasa, photos, spazio, scienza altamira, grotte, spagna, preistoria granchio, coco, birgus latro etna, sicilia, vulcani, italia titicaca, lago, bolivia, perù iguazù, cascate, argentina, brasile, unesco Nilo, fiumi, africa Cina, muraglia, fortezze
Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Follow in Google+ Sottoscrivi il feed Seguimi  in StumbleUpon

Deserto di Atacama, una regione unica sul pianeta: il deserto risulta infatti del tutto privo di oasi.

Il Deserto di Atacama è situato nel Cile settentrionale, nella regione di Antofagasta e la parte settentrionale della regione di Atacama.

Il deserto si trova tra la catena andina (Puna de Atacama) e la Cordigliera della Costa presso il Pacifico.

Il punto di partenza per l’esplorazione del deserto di Atacama è il paesino di San Pedro de Atacama, che mantiene la sua struttura originaria e tipica e sembra portare indietro di un secolo.

Appena si esce dal centro abitato, i paesaggi lasciano senza fiato, per le altezze in cui si trovano, tra i 2000 e i 5000 metri s.l.m, ma soprattutto per il fascino primitivo e unico che emanano.


Sotto l’imponente massa della Cordillera delle Ande e dei suoi vulcani, nel Deserto di Atacama si alternano ambienti molto diversi tra loro e resi vivi dall’acqua che scende dalle Ande: i grigi altopiani aridi e ghiaiosi interrotti da verdi canion, un grandissimo lago salato, il Salar, popolato da fenicotteri, i geyser bollenti del Tatio e le piscine di acqua termale di Puritama, i dolci pendii popolati da lama, alpaca, vicugne e guanachi, il rosso dei tramonti della Valle della Luna, il blu delle lagune altiplaniche.

È caratterizzato da un clima desertico-oceanico e da una forte escursione termica, le cui temperature oscillano tra gli 0° notturni ed i 25°-30° diurni.
Il deserto di Atacama è il deserto più asciutto del globo (tranne forse per le valli asciutte di McMurdo in Antartico) ed è virtualmente sterile perché è protetto dall'umidità, da entrambi i lati, dalle montagne delle Ande e dalle montagne litoranee.
La corrente di Humboldt, che è fredda, raffredda l'aria rendendo impossibile la formazione di nuvole, come accade come per il deserto del Namib e la corrente del Benguela. La piovosità media in Antofagasta è appena di 3mm all'anno e ci fu un periodo in cui nessuna pioggia vi cadde per 40 anni. Il deserto di Atacama è vecchio 15 milioni di anni ed è 50 volte più arido della valle della morte della California.
La parte più asciutta dell'Atacama è una zona denominata 'la doppia ombra della pioggia'. Nel 2003 una squadra di ricercatori ha pubblicato un rapporto in Science Magazine intitolato "I terreni simil-marziani del deserto di Atacama, Cile, ed il limite igroscopico della vita microbica" nel quale hanno riprodotto gli esperimenti e le prove effettuate dai veicoli spaziali Viking 1 e Viking 2 sul pianeta Marte per verificare la presenza di vita, non riuscendo ad individuarne alcuno nel terreno del deserto di Atacama.
Tramonto sul deserto
La regione a questo riguardo può essere definita unica sul pianeta: il deserto risulta infatti del tutto privo di oasi.

L'area è scarsamente popolata: le uniche presenze sono quelle degli indios Chandos e di bianchi, la maggior parte dei quali lavora nei giacimenti di nitrati e nei ricchi depositi di rame.

Dal nome della regione deriva quello del minerale tipico dei giacimenti di rame, l'atacamite. La zona è il più grande serbatoio naturale del mondo di nitrato di sodio, che è stato estratto su vasta scala fino all'inizio degli anni 40.
La regione, proprio a causa delle ricchezze minerarie, fu militarmente contesa fra Cile e Bolivia. Fu conquistata dal Cile con la Guerra del Pacifico del 1879-83, che sottrasse la regione di Antofagasta alla Bolivia e quella di Tarapaca al Perù.

Reperti archeologici indicano che la zona di San Pedro fu il centro di una misteriosa civilizzazione del Paleolitico che ha costruito fortificazioni sulla roccia delle ripide montagne che circondano la valle.
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
Share on Google Plus

A proposito di Luca Soraci

Il mondo può essere considerato come un museo, un immenso museo che la natura el'uomo, rivali nella genialità hanno popolato di "meraviglie".
    Blogger Comment
    Facebook Comment

1 commenti:

  1. certo che il Cile è davvero un luogo magico... Trovi il deserto ma anche i ghiacciai...

    Ti segnalo un sito dove caricare video e foto dei viaggi...

    http://www.mybaggy.com/

    a presto

    RispondiElimina