edouard nasa, photos, spazio, scienza altamira, grotte, spagna, preistoria granchio, coco, birgus latro etna, sicilia, vulcani, italia titicaca, lago, bolivia, perù iguazù, cascate, argentina, brasile, unesco Nilo, fiumi, africa Cina, muraglia, fortezze
Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Follow in Google+ Sottoscrivi il feed Seguimi  in StumbleUpon

Il polpo Thaumoctopus mimicus stupisce per le sue straordinarie capacità mimetiche.

Il polpo mimetico (Thaumoctopus mimicus, Norman et Hochberg 2005) è l'unica specie del genere di polpi Thaumoctopus.

Vive nei mari tropicali del Sud-Est asiatico, fu scoperto ufficialmente solo nel 1998, presso la costa di Sulawesi, in Indonesia. Popola le acque ricche di nutrienti degli estuari.

Misura fino a 60 cm di lunghezza. Il suo colore naturale è bianco a strisce marroni, molto variabile anche in pochi secondi.

Questo animale può imitare fisicamente l'aspetto e i movimenti di oltre quindici differenti creature, ivi compresi serpenti di mare, pesci leone, sogliole, stelle di mare, granchi, molluschi, meduse e anemoni[1].

Riesce a farlo contorcendo il propri corpo, nascondendone alcune parti nella sabbia e cambiando il proprio colore.

Questa specie imita la specie più opportuna per spaventare il predatore che si trova davanti, ottenendo così il massimo effetto.

Oltre a saper cambiar colore a una velocità impressionante, questo mimo dei mari asiatici, descritto scientificamente solo nel 1998, riesce anche a imitare nella forma e nel modo di muoversi diversi animali velenosi o pericolosi, tenendo così alla larga i predatori.

Se deve nuotare su un fondale sabbioso, per esempio, il Thaumoctopus fa l'imitazione della tossica sogliola pavone, riunendo le braccia intorno al corpo appiattito, assumendo una colorazione marezzata e ondeggiando a pochi centrimetri della sabbia.

Se invece deve muoversi a mezz'acqua, eccolo diventare scuro e irrigidire i tentacoli, imitando i pungiglioni del velenoso pesce leone.

Infine, se inseguito da un pesce predatore, infila la testa in un buco del fondo, accentua le strice della sua livrea e lascia uscire solo due braccia., in una convincente simulazione di un velenoso serpente marino.

Il polpo mimo è anche probabilmente l'unica specie al mondo ad aver unito le due principali categorie di mimetismo, cioè il camuffamento (assumere colori e forme che permettono di confondersi con l'ambiente) e il mimetismo battesiano (imitazione di animali pericolosi).

Il primo è la specialità di molti animali, dai camaleonti alle lepri artiche, dai gufi ai fasmidi, insetti il cui corpo imita alla perfezione ramoscelli e foglie.

Un esempio classico di mimetismo battesiano è invece quello delle farfalle sudamericane Caligo, sulle cui ali sono disegnati realistichi occhi di gufo, destinati a spaventare uccelli malintenzionati. E' anche bellissimo il travestimento da ape delle inofensive mosche sirfidi.
Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop




Crea le tue foto ed immagini come Slideshow per eBay, Netlog, MySpace, Facebook o la tua Homepage!Mostrare tutte le immagini di questo Slideshow



Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:


Share on Google Plus

A proposito di Luca Soraci

Il mondo può essere considerato come un museo, un immenso museo che la natura el'uomo, rivali nella genialità hanno popolato di "meraviglie".
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento